Ora lo split del condizionatore si accende solo quando serve

I sensori di movimento captano la presenza delle persone dell’ambiente, ne calcolano il numero...

I sensori di movimento (Argo Clima, Daikin, Hisense, Mitsubishi, Panasonic) captano la presenza delle persone dell’ambiente, ne calcolano il numero, “vedono” dove si trovano e di conseguenza modulano temperature, umidità e direzione del getto d’aria in modo da non sprecare preziosa energia, da non raffreddare troppo direttamente il corpo quando si dorme, da non creare eccessive differenze di temperatura e umidità nell’ambiente. E, soprattutto, avviandosi solo quando lo spazio è abitato e spegnendosi dopo pochi minuti che la persona è uscita: il sensore con la funzione “I Feel” posta sul telecomando, raffresca o riscalda soprattutto lo spazio intorno a chi tiene in mano il telecomando. E c’è anche quello (di Hitachi) che si pulisce da solo con un piccolo braccio robot per evitare che prolifichino batteri, spore e muffe.

Il prezzo dei climatizzatori fissi parte da 6-700 euro (senza riscaldamento, classe A) mentre il trasferibile parte da 400 euro (per mini-locali, quasi come uno split, fisso, di fascia bassa ma senza costi ulteriori). I costi di installazione – salati, in genere qualche centinaio di euro – sono infatti a parte; non compresi ad esempio nelle promozioni dei centri commerciali. E senza considerare eventuali lavori di muratura o elettrici da eseguire.

Dall’inizio dell’anno, alla classe A del massimo risparmio energetico, è stata aggiunto un gradino ulteriore (A+) ma già ci sono modelli in classe A++ e A+++ (Hisense, Hitachi,Mitsubishi Electric, Samsung, Daikin), anche per il riscaldamento. Attenzione: occorre anche guardare i valori di efficienza Cop e Seer: più sono alti meglio è. Un apparecchio di classe A++ consuma il 25-30% meno rispetto a quelli di classe A e con la A+++ i consumi si dimezzano rispetto ai modelli tradizionali. Ma a incidere sull’entità dei consumi sono le modalità d'uso. E la domotica, grazie ad app, smartphone, tablet e pc, può evitare eccessivi sprechi: la possibilità di regolare in remoto l’apparecchio serve infatti a controllarne i consumi, ad avviarlo in anticipo a bassa potenza per trovare la casa fresca, a spegnerlo se piove, se la temperatura esterna è bassa o se si rimane fuori casa. Sul display, e grazie al wi-fi e a internet, l’utente può fare tutte le manovre che farebbe in casa dal telecomando, può addirittura ricevere il livello dei consumi in tempo reale (Panasonic).

Spesso il rumore anche leggero di un climatizzatore può disturbare le notti degli insonni; e in effetti i climatizzatori di bassa qualità producono un rumore fastidioso; è consigliabile scegliere apparecchi che emettano non più di 18-19 decibel come quelli di Daikin e LG Electronics. E programmare un raffreddamento molto leggero (per evitare problemi alla cervicale, per esempio) nelle prime due ore circa e, quando il sonno nelle ore successive è più pesante, qualche grado in meno. Per non avere fastidiosi stop e riavvii rumorosi è necessario scegliere un climatizzatore di tecnologia recente dotato cioè di inverter, che oltre a ridurre rumore e consumi, mantiene un funzionamento costante senza picchi né stacchi frequenti. Per un sonno rilassato, soprattutto per chi ha problemi di allergie è importante scegliere un apparecchio dotato di un sistema di trattamento e filtraggio dell’aria. Con Sharp è possibile togliere agli abiti odori sgradevoli, compreso quello del fumo. I nuovi Haier e Hitachi sono dotati di uno ionizzatore con micro particelle di acqua che ripuliscono l’aria idratando altresì la pelle e l'apparato respiratorio.

Anche il climatizzatore più efficiente “convive” con difficoltà con il forno elettrico, con la lavastoviglie o con la lavabiancheria, soprattutto in caso di lunghi funzionamenti. Ma il contatore può facilmente “saltare” non tanto per l’eccessiva potenza quanto perché la scelta è stata fatta senza consultare l'installatore: un apparecchio di potenza insufficiente deve lavorare sempre al massimo. Solo un tecnico, dopo aver esaminato la casa, è in grado di scegliere quale deve essere la potenza ottimale, la capacità di deumidificazione che incide molto sulla percezione dell’afa e del senso di malessere. E solo un tecnico sa come evitare eventuali i problemi causati da unità esterne rumorose. E conosce bene i “trucchi” per un’installazione perfetta.

By IlSole24Ore


Bonus lavori, la mappa delle detrazioni

Per sfruttare l’opportunità, garantendosi il massimo del vantaggio possibile, c’è tempo poco più di sei mesi.

 

Fino al 31 dicembre 2015, l’aliquota ammessa per “scaricare” in dieci anni il costo degli interventi di ristrutturazione edilizia e di risparmio energetico è fissata, rispettivamente, al 50% e al 65% della spesa. Poi - salvo nuove dilazioni, concesse da Governo e Parlamento - si tornerà a un bonus unico al 36 per cento.

Utilizzare gli sconti fiscali conviene: moltissimi gli italiani che ne hanno già approfittato. Tuttavia, non è sempre facile orientarsi e capire quali siano gli interventi che possono godere del sostegno economico e quale la detrazione corretta da richiedere. Anche perché uno stesso intervento può in teoria beneficiare di diversi incentivi, ma in realtà il cumulo tra due benefici non e mai ammesso.

Le ristrutturazioni edilizie

È possibile portare in detrazione il 50% della spesa sostenuta (massimo 96mila euro),nel caso di lavori che comportino un’innovazione e rientrino nella categoria edilizia della manutenzione straordinaria. Di conseguenza, l’importo massimo detraibile è di 48mila euro, pari a 4.800 euro l’anno. Solo per fare qualche esempio di lavori ammessi, parliamo del rifacimento di una facciata, dell’installazione o la sostituzione dell’ascensore, della riparazione o la nuova costruzione di un box auto pertinenziale, della tinteggiatura esterna di un palazzo, con modifica di intonaco o colore, ma anche della sostituzione di infissi con modelli diversi.

Ci sono, tuttavia, una serie di interventi che – pur richiedendo un impegno anche economico rilevante – sono esclusi se eseguiti in una singola unità residenziale. È il caso del rifacimento di un bagno o di una cucina: la semplice ripavimentazione, la sostituzione dei sanitari sono classificati come interventi di manutenzione ordinaria e non bastano a garantire la detrazione. Che invece scatta se all’interno dell'unità viene creato o spostato un tramezzo o si sostituisce l’intero impianto idraulico. Ma il principio generale è che i lavori di categoria “superiore” assorbono quelli di categoria inferiore: quindi se si sostituiscono pavimenti e sanitari del bagno (ordinaria) e, insieme, si sposta una parete e la porta cambiano il perimetro della stanza, tutto diventa manutenzione straordinaria e quindi si può detrarre l’intera spesa.

Il bonus al 65 per cento

La detrazione del 65% per il risparmio energetico si può utilizzare (con soglie diverse a seconda della tipologia di opere) per ciò che comporta un miglioramento delle prestazioni energetiche dell’immobile. Si va dalla sostituzione dei vecchi infissi all’installazione di pannelli solari termici, dal cambio di caldaia fino alla predisposizione di un cappotto termico e, da quest’anno, anche all’acquisto e alla posa di un sistema di schermatura solare, come una tapparella o una tenda da sole (si veda Il Sole 24 Ore dello scorso 20 aprile). Non tutto, però, beneficia dello sconto massimo. Ad esempio, la sostituzione della caldaia con un impianto a condensazione non è ammessa, se non è prevista la contestuale installazione delle valvole termostatiche negli appartamenti. Chi cambia solo l’impianto deve allora optare per la detrazione Irpef del 50 per cento. Così anche non sono ammessi al 65% gli impianti a tecnologia mista o quelli che non rispondono a determinati requisiti prefissati dalla norma.

La procedura per ottenere il riconoscimento dell’ecobonus (detrazione Irpef per persone fisiche e Ires per persone giuridiche), inoltre, prevede un passaggio in più rispetto al 50%: entro 90 giorni dalla fine dei lavori occorre trasmettere all’Enea, in via telematica, copia dell’attestato di certificazione o qualificazione energetica e la scheda informativa degli interventi realizzati (si veda l’articolo in basso).

Per questo, spesso c’è chi – a parità di lavoro,e anche se potrebbe ottenere il 65% - sceglie la via del 50 per cento. Ad esempio, per la sostituzione degli infissi: se non si raggiungono le perfomance di isolamento maggiori o se si preferisce evitare la procedura per il 65% - peraltro eseguibile anche con un semplice fai-da-te online sul sito dell’Enea - si può ottenere lo sconto minore.

By IlSole24Ore


Incremento del 50% dei mutui nel 1° trimestre

I mutui alle famiglie, per l'acquisto delle abitazioni, crescono di oltre il 50% nei primi tre mesi del 2015
(rispetto ai primi tre mesi del 2014).
 
 
Secondo i dati dell'Abi si evidenzia una ''forte ripresa del mercato dei finanziamenti''. Dal campione dell'Associazione bancaria, composto da 78 istituti di credito, che rappresenta circa l'80% della totalità del mercato italiano, emerge che nel trimestre gennaio-marzo 2015 l'ammontare delle erogazioni di nuovi mutui è stato pari a 7,897 miliardi di euro rispetto ai 5,250 miliardi dello stesso periodo del 2014. L'incremento su base annua è, quindi, del 50,4%. L'ammontare delle nuove erogazioni di mutui nel 2015 è anche superiore sia al dato dei primi tre mesi del 2013, quando si attestarono sui 4,337 miliardi di euro, sia al valore dei primi tre mesi del 2012 (5,177 miliardi di euro). I mutui a tasso variabile rappresentano, nei primi tre mesi del 2015, il 66,7% delle nuove erogazioni complessive; tuttavia sono in sensibile incremento i mutui a tasso fisso che hanno raggiunto a marzo 2015 quasi il 35% delle nuove erogazioni, erano quasi il 18% dodici mesi prima. Già la scorsa settimana l'Istat aveva evidenziato la crescita, dopo sette anni di calo, del mercato immobiliare. Secondo le rilevazioni dell’Istat su dati di fonte notarile, tra il 2013 e il 2014 le compravendite sono aumentate dell'1,6%. In crescita anche i mutui, i finanziamenti e le altre obbligazioni con ipoteca.
 
By RaiNews


La verità sulla tasse immobiliari

La Confedilizia ha fatto bene a metter in fila qualche numero sulla iper tassazione della casa

L’Italia è fatta così: un giorno ci si sveglia e ci si accorge che è tutto sbagliato e si esagera dall’altra parte. Si legifera con la mannaia, cambiando completamente lo scenario. Dal liberi tutti a tutti in galera. È una metafora, ma la casa per chi ce l’ha rischia di diventarlo. Vediamo i numeretti allora. Dal 2012 al 2014 la proprietà immobiliare ha versato complessivamente 69 miliardi di imposte di natura patrimoniale (Imu e Tasi), alla faccia di chi dice che da noi la patrimoniale non c’è. Le tasse sugli immobili sono praticamente triplicate dal 2011 ad oggi. Nel solo 2014 le due patrimoniali sulla casa hanno generato un gettito di 25 miliardi. Se non avete ancora il mal di testa, ora arriva il brutto: si calcola che gli immobili abbiano perso, per il combinato disposto della crisi economica e della maggiore tassazione, un valore pari a 2mila miliardi di euro. Il che vorrebbe dire che è andata in fumo un quarto della ricchezza accumulata dagli italiani. Una roba da guerra, anche se le stime fossero superiori alla realtà del doppio.
La domanda è dunque semplice? Perché una tale catastrofe non ha portato gli italiani in strada con i forconi? Banale. Perché non lo sanno. Nulla è più opaco se non il prezzo di un immobile. O meglio esso diventa chiaro solo al momento della vendita. Nessuno dispone della quotazione del proprio appartamento giorno per giorno, così come avviene per qualsiasi altro strumento di risparmio: dalle azioni alle quote dei fondi comuni di investimento. Il valore della propria casa si ritiene sempre sia pari o superiore a quello che si è pagato. E chiunque stia leggendo questa zuppa o i numerosi articoli che abbiamo fatto sul tema tra sé e sé sta pensando: «Sì, va bene quello che dicono i giornalisti, le case oggi valgono di meno, ma non la mia, perché è eccezionale, ben fatta, ben posizionata, bene acquistata. Sono quelle degli altri che valgono di meno». Purtroppo non è così: il crollo del mercato immobiliare c’è stato e non è detto che si riprenda presto. È solo celato, nascosto, e non vogliamo vederlo.
C’è però un settore che non può sfuggire e che si deve confrontare con la realtà delle nuove tasse: è quello commerciale. Prendiamo un caso concreto individuato proprio dalla Confedilizia. Proprietario benestante di un negozio nel centro di Roma. Ha una rendita catastale di 3.300 euro e ricava un affitto annuo di 12mila. Su quell’immobile locato, il proprietario del negozio paga 4.783 euro di Irpef (la cedolare secca sui negozi non si applica), a cui sommare 359 euro tra addizionali comunali e regionali. Ma non è ovviamente finita qui. Paga 3.678 euro di Imu e 222 di Tasi. Ci sono anche le imposte di registro e di bollo per 133 euro. Il totale delle imposte pagate su un canone di 12mila euro è di 9.200 euro, pari a circa l’80 per cento dei ricavi. Con il restante 20 per cento che resta in tasca al proprietario del negozio si deve pagare l’investimento e le spese varie che comporta avere un quartierino commerciale nel centro di Roma.
Lo sciagurato cosa può fare. Venderlo, ma il mercato è ovviamente crollato. O aumentare il canone per il commerciante. Direi che possono bastare questi numeri per spiegare per quale intuibile motivo i centri delle città si stanno desertificando e per quale ragione oggi il piccolo commercio soffra come non mai.
Si tratta di una modesta riflessione per far capire come una tassa patrimoniale, scioccamente invocata per motivi di equità fiscale, produca un effetto devastante non solo sull’economia, ma anche sul decoro delle nostre stupende città.

By IlGiornale.it

 


L’album fotografico della bolla immobiliare italiana

Per la filiera immobiliare il credito facile è stata un’abbuffata per 40 anni, ora si paga il conto.

Siamo nel pieno del tentativo di smaltimento delle sofferenze bancarie, un’ampia fetta delle quali sono legate a prestiti immobiliari, una volta considerati sicurissimi (i valori ipotecari periziati dovevano essere il doppio del valore del finanziamento) oggi difficilmente recuperabili integralmente e come tale classificati a sofferenza. La corsa delle banche a trovare accordi con specialisti del settore che acquistino o ancora meglio sappiano gestire portafogli di crediti immobiliari si sta intensificando.

Per coloro che non hanno capito come mai si sia generata la bolla immobiliare italiana e per coloro che ancora insistono a negarla, Imprese+Finanza offre un bigino tratto dal più lungo e dettagliato studio pubblicato recentemente dalla Banca d’Italia (“Mercato immobiliare, imprese della filiera e credito: una valutazione degli effetti della lunga recessione’). Anzi, un film in 8 fotogrammi ciascuno spiegato in modo semplice e sintetico.

1. Quanto è importante il settore delle costruzioni sull’economia italiana?

Risposta: molto e dal 1999 al 2008 è stato trainante con tassi di crescita importanti.

Per guardare il grafico ingrandito cliccare qui

2. Quanto solide erano le imprese di costruzioni nel periodo pre e post crisi?

Risposta: non tantissimo. Sicuramente sono sempre state molto più indebitate delle altre imprese (leverage 70% contro una media dell’economia del 52%). Essendo indebitate pagavano anche oneri finanziari doppi delle altre imprese con un’incidenza del 40% sul MOL. Un costo elevato ma sopportabile perché poi si vendeva tutto e si faceva un bel 30% secco di profitto, su un capitale investito minimo. Tutto filava bene per i piccoli e grandi costruttori e per tutte le banche che li finanziavano a pioggia, progetto dopo progetto.

Per guardare il grafico ingrandito cliccare qui

3. Come è stata la dinamica del finanziamento immobiliare?

Risposta: poco lungimirante. Interessante il terzo grafico che mostra caratteristiche tipiche del settore costruzioni: l’entità dei lavori in corso (ovviamente finanziati da mutui SAL) che dal 1997 oscilla tra il 150% e il 100% del fatturato (le vendite o gli appalti pagati). Ma dal 2006 le vendite rallentano e il rapporto comincia stabilmente a deteriorarsi fino ad arrivare al 180% del 2012. Non tanto perché, come accadeva nel periodo d’oro, si fosse fatto partire un secondo cantiere prima di finire e vendere il primo, ma perché i tempi di vendita si allungavano a causa della crisi di domanda. Le rimanenze non sono più lavori in corso ma sono unità immobiliari finite e non vendute.

Per guardare il grafico ingrandito cliccare qui

4. Le banche italiane avevano capito i rischi?

Risposta: direi di no. Il grafico successivo nella parte a destra mostra come il sistema bancario abbia concesso credito in modo alquanto generoso fino al 2008 e in questa strana generosità il credito alle imprese di costruzioni è stato più abbondante della media sino al 2011, quando è iniziata la precipitosa ritirata del sistema bancario.

Per guardare il grafico ingrandito cliccare qui

5. Chi ha concesso mutui ai costruttori?

Risposta: praticamente tutte le banche, popolari, piccoli crediti cooperativi, grandi banche e leasing. Fino al 2008 con tassi di crescita di oltre il 10% (!). Come visto solo dal 2010 si è cominciato a tirare il freno. La grandi banche un po’ prima e un po’ di più delle medie e piccole.

Per guardare il grafico ingrandito cliccare qui

6. Com’è andata a finire?

Risposta: male, malissimo. Dal 2009 i tassi di ingresso a sofferenza (quindi di incapacità di rimborsare i mutui) si sono raddoppiati. Nel 2012 per le grandi imprese triplicati. Chi ha preso la sberla peggiore? Le grandi banche, ovviamente, perché finanziavano i grandi progetti. L’impennata dei default tra il 2011 e il 2013 è impressionante.

Per guardare il grafico ingrandito cliccare qui

7. Adesso cosa si fa?

Risposta: non lo sa bene nessuno. La soluzione Bad Bank alla spagnola (SAREB) non sembra più possibile, la BCE sta mettendo vincoli e paletti ma intanto il monte di sofferenze e incagli è arrivato al 35% di quanto è stato erogato e non ancora rimborsato. Possibilità che le imprese della filiera abbiano flussi o rivoli di cassa per pagare? Poche. Si rientra solo vendendo o svendendo. Possibilità per le banche di realizzare il valore immobiliare esauribile attraverso le ipoteche? Dubbio, soprattutto nel breve periodo perché distruggerebbe definitivamente i prezzi di mercato. Quindi rimane solo la soluzione di uno smaltimento lento con qualcuno (i privati) che si accolli il compito di avere pazienza e qualcuno (lo Stato) che ci metta una buona parola e qualche garanzia.

Per guardare il grafico ingrandito cliccare qui

8. Facciamo un po’ di autocritica?

Risposta: sarebbe il minimo. Queste ultime tavole della Banca d’Italia certificano che fino al 2009 il sistema bancario ha continuato a erogare mutui a società della filiera immobiliare che a) erano in perdita b) avevano un elevato livello d’invenduto c) erano finanziariamente fragili e d) erano già molto indebitate.  Le sofferenze che ne sono scaturite sono la naturale conseguenza di politiche del credito anestetizzate dall’abitudine a fare tanti tanti mutui ai costruttori. Poiché ai vertici delle banche c’erano negli anni 2007-2009 più o meno gli stessi amministratori che sono stati osannati per avere costruito la crescita delle banche magari qualche riflessione in più sulla loro capacità di analisi prospettica dei rischi andrebbe fatta. Accantonare centinaia di milioni di nuove sofferenze immobiliari ogni anno più che ‘coraggioso’ sembra essere uguale a chiudere le stalle quando i buoi sono scappati.

Per guardare il grafico ingrandito cliccare qui

Tirando le somme:

- la bolla immobiliare italiana esiste eccome

- è stato normale finanziare l’industria delle costruzioni fino al 2005-2006, ma un po’ meno proseguire fino al 2010 quando il rallentamento dell’economia e la crisi finanziaria erano già in atto. Un effetto inerziale ma miope

- l’errore è stato generalizzato. Praticamente tutte le banche sono cadute nella trappola immobiliare

- per la filiera immobiliare la facilità di finanziamento è stata una grande abbuffata per circa 40 anni, adesso si pagano tutti i conti.

Col senno di poi sono bravi tutti, qualcuno potrebbe dire. Forse.

By Linkiesta.it